Home

Visit Rome following 8 XVIIIth century itineraries XVIIIth century Rome in the 10 Books of Giuseppe Vasi - Le Magnificenze di Roma Antica e Moderna The Grand View of Rome by G. Vasi The Environs of Rome: Frascati, Tivoli, Albano and other small towns near Rome A 1781 map of Rome by G. Vasi An 1852 map of Rome by P. Letarouilly Rome seen by a 1905 armchair traveller in the paintings by Alberto Pisa The 14 historical districts of Rome An abridged history of Rome How to spend a peaceful day in Rome Baroque sculptors and their works The coats of arms of the popes in the monuments of Rome Pages on a specific pope Pages complementing the itineraries and the views by Giuseppe Vasi Walks in the Roman countryside and in other towns of Latium following Ferdinand Gregorovius A Directory of links to the Churches of Rome A Directory of links to the Palaces and Villas of Rome A Directory of links to the Other Monuments of Rome A Directory of Baroque Architects with links to their works A Directory of links to Monuments of Ancient Rome A Directory of links to Monuments of Medieval Rome A Directory of links to Monuments of Renaissance A Directory of links to Monuments of the Late Renaissance A list of the most noteworthy Roman Families Directories of fountains, obelisks, museums, etc. Books and guides used for developing this web site An illustrated Glossary of Art Terms Venice and the Levant Roman recollections in Florence A list of Italian towns shown in this web site Venetian Fortresses in Greece Vienna seen by an Italian XVIIIth century traveller A list of foreign towns shown in this web site
What's New!

Detailed Sitemap

All images © by Roberto Piperno, owner of the domain. Write to romapip@quipo.it. Text edited by Rosamie Moore.
Page revised in December 2010.

To the Italian visitors of my web site

Basilica di S. Pietro in Vaticano (Book 3) (Map D2) (Day 8) (View C1) (Rione Borgo)

In this page:
The plate by Giuseppe Vasi
Today's view
S. Pietro
Palazzo Apostolico
Cappella Sistina
Porta S. Pellegrino o Viridaria
SS. Martino e Sebastiano degli Svizzeri

The Plate (No. 41)

Basilica di S. Pietro in Vaticano

When in 1753 Giuseppe Vasi published this etching he had already shown in two separate plates the basilica and the square; in this view he showed all together the square, the basilica and the complex of buildings known as the Vatican palaces including far away Palazzo del Belvedere.
The view is taken from the green dot in the map below. In the description below the plate Vasi made reference to: 1) Palazzo Pontificio (he indicated it twice); 2) Amphitheatre (i.e. Bernini's Colonnade) decorated with 320 columns and 236 statues, together with the Temple, chiselled in travertine. The small 1748 map shows also 3) S. Pietro; 4) Cappella Sistina and in the enlarged map of the area near the red asterisk: 5) Porta S. Pellegrino; 6) SS. Martino e Sebastiano degli Svizzeri.

Small ViewSmall Map

Today

The view today
The view in June 2009

When Vasi published his books the great basilica was still regarded as being under construction because the two bell towers at the sides of the façade were not yet completed; a project by Gian Lorenzo Bernini was approved by Pope Urban VIII in 1637 and soon the architect started the erection of the bell tower on the south (left) side. The work was stopped in 1641 because the foundation did not support the weight of the tower (Francesco Borromini, a rival architect, charged Bernini with lack of technical expertise in the design and execution of the project). In 1646 the incomplete bell tower was pulled down (Bernini had to pay the cost); eventually the idea of completing the bell towers was abandoned and in 1786-90 Giuseppe Valadier marked with two large clocks the parts of the façade which were supposed to be the bases of the bell towers and he enlarged the windows beneath the clocks to show the bells. These changes were aimed at narrowing the façade, but they were not enough to "detach" the bell towers from the façade which therefore continued to be perceived as being excessively wide.

S. Pietro

S. Pietro Vecchio
S. Pietro Vecchio in "Incendio di Borgo (in part an allegory of the fire which destroyed Troy)", a fresco by Raphael showing in the central section the façade of S. Pietro Vecchio and a Renaissance loggia from which Pope Leo IV blesses the terrified inhabitants of Borgo

Vasi refers to the basilica as "S. Pietro", but in the XVIIth century writers (e.g. Giovanni Baglione - The Lives of Painters, Sculptors, Architects and Engravers - 1642) referred to it as "S. Pietro Nuovo" to indicate that it had replaced the old basilica which was built in the IVth century.
The façade of S. Pietro Vecchio was decorated with golden mosaics and for more than a century it acted as a screen which hid the construction of the new basilica; this is clearly shown in a small engraving of a 1588 Guide to Rome. The choir and the apse of the old basilica were sheltered by a tegurium (a roof supported by columns) designed by Donato Bramante in 1514; the last mass in this part of the old basilica was celebrated on November 15, 1609.

The expected appearance of S. Pietro Nuovo
The expected appearance of S. Pietro Nuovo in a fresco commissioned by
Pope Sixtus V in the Vatican Library

The first stone of the new basilica was laid down by Pope Julius II in 1506; several architects such as Bramante, Antonio da Sangallo and Michelangelo were involved in the design of S. Pietro Nuovo; their projects had some differences, but they all provided for a gigantic dome, the size of which was expected to be larger than that of S. Maria del Fiore, the cathedral of Florence. In 1587-90 Giacomo della Porta succeeded in completing the dome and the event was celebrated in a fresco, which shows the overall appearance of the basilica according to the projects of Michelangelo and Della Porta which were based on a Greek cross layout.

S. Pietro
S. Pietro Nuovo seen from Janiculum

At the beginning of the XVIIth century the initial design of S. Pietro Nuovo was regarded as not being fully in line with the guidelines for the layout of churches which had been developed during the Counter-Reformation; Pope Paul V decided to extend the eastern arm of the new basilica so that it covered all the area of the old one; in 1607 a project by Carlo Maderno won a contest and the eastern arm was completed by 1612.

S. Pietro
Façade by Carlo Maderno

The façade is not just the end wall of the eastern arm, but a building in itself; its original width is that of the inscription celebrating the event; its central balcony was meant for papal blessings; today this occurs on special occasions such as the first blessing of a newly-elected pope (you may wish to see some images of the façade when Pope Benedict XVI was elected in 2005).

The façade
Ceiling of the portico


The access to the basilica is preceded by a large portico decorated with the eagles and dragons of Pope Paul V. The bronze panels of the central door of the old basilica were placed in a new frame and utilized for that of the new one; the inscription containing the epitaph dedicated by Emperor Charlemagne to Pope Hadrian I was also retained in the new portico. Statues of Emperor Constantine by Gian Lorenzo Bernini and of Emperor Charlemagne by Agostino Cornacchini were placed at the far ends of the portico.

The apse
The apse seen from the drum

The decoration of the new basilica was mainly based on mosaics (rather than frescoes) in memory of the old one where this kind of decoration prevailed; a gigantic mosaic inscription reports a quotation from Matthew (16:18): "Tu es Petrus et super hanc petram aedificabo meam ecclesiam" (Thou art Peter, and upon this rock I will build my church - King James Bible); for the Roman Catholic Church this sentence affirms its being the only "true" church.
In other pages of this website you can see the coats of arms of the Canopy, the four gigantic statues of the octagon, its many mosaics, funerary monuments to kings and queens and in particular its monuments to the popes.

The façade
Interior of the dome


The decoration of the dome was designed to be the visual representation of Te Deum, a Christian hymn of praise; the Father is portrayed inside the lantern while heads of Seraphim and Cherubim are depicted in circles; the mosaics show standing angels, three of whom bear symbols of the Passion; the sixteen mosaics at the lower end of the dome portray Jesus Christ, the Virgin Mary, St. John the Baptist, St. Paul and the Twelve Apostles; the mosaics were executed on the basis of cartoons by Cavalier d'Arpino, who was regarded as the greatest painter of that period; the colour effect based on gold and blue was admired, but the structure of the decoration was criticized for being too repetitive and in the following years the churches of Rome were decorated with very different ceilings.

The façade
(left) Main dome and dome of Cappella Clementina; (right) supports for the illumination of the dome


J. W. Goethe wrote in his Italian Journey:
(November 22, 1786) "Then we climbed up on to the roof, where one finds a miniature copy of a well-built town with houses, shops, fountains, churches (at least they looked like churches from the outside) and a large temple - everything in the open air with beautiful walks between. We went into the Cupola and looked out at the Apennines, Mount Soracte, the volcanic hills beyond Tivoli, Frascati, Castel Gandolfo, the plain and the sea beyond it. Below us lay the city of Rome in all its length and breadth with its hill-perched palaces, domes, etc."
(June 30, 1787) "The great feast of St. Peter and St. Paul has come at last. Yesterday we saw the illuminated dome and the fireworks of Castel Sant'Angelo. The illuminations are spectacular, like a scene from fairyland; one can hardly believe one's eyes. (..) To see the colonnade, the church, and, above all, the dome, first outlined in fire and, after an hour, become one glowing mass, is a unique and glorious experience. When one thinks that, at this moment, the whole enormous building is a mere scaffolding for the lights, one realizes that nothing like it could be seen anywhere else in the world." (translation by W. H. Auden and Elizabeth Mayer - Collins)

The façade
Statues at the top of the façade (you may wish to see more statues close to Heaven)


It wasn't done in a day is a page providing more information on the construction and decoration of the basilica.
Read Lord Byron's verses dedicated to St. Peter's.
Read Charles Dickens's account of his visit to St. Peter's in 1845.
Read Mark Twain's account of his visit to St. Peter's in 1867.
Read Henry James' account of his visit to St. Peter's in 1873.
Read William Dean Howells' account of his visit to St. Peter's in 1908.

Palazzo Apostolico

Palazzo Apostolico
Late XVIth century section of Palazzo Apostolico

Towards the end of the XVIth century the popes were uncertain about where to place their residence; Pope Sixtus V built a large palace near S. Giovanni in Laterano, but at the same time he carried on with the construction of Palazzo Pontificio al Quirinale and he started a new palace facing the obelisk of Piazza S. Pietro; eventually the popes decided to live in the Quirinale Palace (until 1870 when Pope Pius IX retired to the Vatican).

Palazzo Apostolico
(left) Logge di Raffaello; (right) the (open) window of the papal apartment from which the pope delivers routine Sunday speeches

The palace was completed by Pope Clement VIII; its western side looks on a large courtyard (Cortile di S. Damaso) which is surrounded by a series of loggias designed by Bramante and completed by Raphael; they were closed with windows in the XIXth century to protect their painted vaults.
The pope lives and works in an apartment on the top floor of the building; it is a relatively modest accommodation consisting of ten large rooms; on the second floor the pope receives his visitors. Pope Francis has chosen to live in a smaller apartment outside Palazzo Apostolico, but he continues to deliver Sunday speeches from the window of the papal apartment.
You may wish to see some images of the decoration of the Raphael and Borgia rooms.

Cappella Sistina

Cappella Sistina
Cappella Sistina seen from St. Peter's dome and behind it the square Borgia tower built by Pope Alexander VI

Cappella Sistina seen from the outside has the appearance of a fortification; it was built in 1475-83 by Giovannino de' Dolci for Pope Sixtus IV; many conclaves (and all those after 1870) took place in this chapel. It is now the "must see" of the Vatican Museums and it is rarely used for ceremonies which were very impressive, at least according to J. W. Goethe who wrote on March 22, 1788 with reference to the Good Friday Mass: "The music in the Sistine Chapel is unimaginably beautiful, especially the Miserere (by Allegri) and the so-called Improperi (by Palestrina), that is, the Crucified's reproaches to His people, which are sung on Good Friday. The moment when the Pope (Pius VI) is stripped of his pontifical pomp and steps down from his throne to adore the cross, while all the others stay where they are in silence, until the choir begins - Populus meus, quid feci tibi (My people, what I have done you?) - is one of the most beautiful of all these remarkable rites. (..) What most people call effect had none on me: I cannot say that I was personally moved, but I had to admire everything and admit that the Christian traditions have been carried out to perfection. At services in which the Pope takes part, particularly those in the Sistine Chapel, everything in the Catholic ritual which is usually offensive is done with perfect taste and dignity. But this of course, is possible only in a place where for centuries all the arts have been at the disposal of the Church." (translation by W. H. Auden and Elizabeth Mayer - Collins)

Porta S. Pellegrino

Porta S. Pellegrino
(left) Porta S. Pellegrino in an early XIXth century engraving; (centre) Porta S. Pellegrino (side towards Piazza S. Pietro); (right) coat of arms of Pope Alexander VI

The Vatican was not protected by the walls of Ancient Rome and in 846 the Saracens raided S. Pietro; Pope Leo IV in 849-52 built walls which surrounded the basilica and the narrow strip of land between it and Castel Sant'Angelo. It is uncertain whether there were any gates in these walls when they were initially built; at one point the popes decided to open a gate which allowed direct access to the Vatican to pilgrims coming from the north through Via Trionfale; the street leading to the gate became known as Via del Pellegrino and eventually the gate itself was named after a church dedicated to St. Pellegrino, a IInd century martyr.
The gate was also known as Porta Viridaria, after the viridarium, the papal garden which once was in the site now occupied by Palazzo Apostolico.
The gate was entirely rebuilt by Pope Alexander VI in 1492 (he also rebuilt Porta Settimiana). With the enlargement of the Vatican walls in the XVIth century, Porta S. Pellegrino lost its role and it was replaced by Porta Angelica; in the next century it was hidden by Bernini's Colonnade; currently the gate is open only on very special occasions.

SS. Martino e Sebastiano degli Svizzeri

SS. Martino e Sebastiano
(left) SS. Martino e Sebastiano degli Svizzeri and above it the papal apartment; (right) façade with the coat of arms of Pope Pius V

SS. Martino e Sebastiano degli Svizzeri was built by Pope Pius V in 1568 to serve as chapel for the Swiss Guards, whose barracks were located next to Porta S. Pellegrino; the upper part of the church (which is inside the Vatican City) can be seen from Piazza S. Pietro below Palazzo Apostolico.

Excerpts from Giuseppe Vasi 1761 Itinerary related to this page:


Basilica Vaticana
Si dice Vaticana quella Basilica, per il colle Vaticano, che dette il nome similmente alla valle, proveniente, secondo alcuni, da vaticini, che vi si facevano, o dal vagito puerile, secondo altri. Fu da principio tenuta come infame; ma poi prese tanto credito, che si fecero ivi de' tempj, de' Circi, Orti, e de' sepolcri di uomini illustri. Ove è la basilica esservi stato il Circo di Cajo, e poi di Nerone, lo prova il divisato obelisco, che con altri ornamenti era in mezzo al Circo, in cui si faceva spietata carnificina de' Cristiani, come si riferisce anco da Svetonio scrittore gentile. Onde per onorare il sangue ivi sparso da tanti martiri, e per la sepoltura de' ss. Apostoli Pietro, e Paolo, il gran Costantino Imperatore, rovinando il detto Circo, vi eresse la Basilica, principiando egli stesso a cavare e portare via la terra, per fare i fondamenti di essa. Terminata poi con magnificenza la Basilica ai 18. di novembre, fu dal Pontefice s. Silvestro consagrata, e dal Pio Imperatore arricchita di molti tesori, e provveduta di grosse entrate. Quindi Onorio I. fecevi la porta di argento, e coprilla con tegole di metallo dorato tolte dal tempio di Giove Capitolino, ma spogliata poi da' Saraceni, Leone IV. rifece la porta con alcuni bassirilievi di argento, e Niccolò III. ornolla poi di mosaici, e molte pitture fecevi Giotto Fiorentino: ufiziando nel tempio quattro monasteri di Monaci a vicenda tanto di notte, che di giorno.
Nel corso de' tempi patì varj disastri e spogliamenti: e dopo 1200. anni cominciò a minacciare rovina: onde nel 1506. fu principiato il nuovo tempio da Giulio II. includendovi tutto il vecchio. Il primo architetto fu Bramante Lazzari, il quale morto l'an. 1514. succedè Raffaelle da Urbino con altri, e morto anche questo fu proseguita la fabbrica da Baldassare Peruzzi. Quindi sotto Paolo III. fu seguitata da Antonio da Sangallo; ma poi l'anno 1546. datane la direzione a Michelangelo Buonarroti, questi la ridusse in forma di croce greca, e vi fece il disegno della cupola; indi fu seguitata la fabbrica da Giacomo Barozio, e poi sotto Sisto V. vi fu alzata la maravigliosa cupola da Giacomo della Porta insieme con Domenico Fontana, secondo il modello del mentovato Buonarroti, grande poco più del Panteon d'Agrippa, che noi ora diciamo la Rotonda, aggiungendovi per finimento il cupolino, e poi una palla di metallo, che regge la Croce, capace di 32. persone comodamente a sedere, e vi si sale giornalmente da forestieri e cittadini per varie scale comodissime.
Paolo V. l'an. 1606. di croce greca ridusse la Basilica in croce latina, e fecevi il portico col gran prospetto secondo il disegno di Carlo Maderno, la quale è lunga palmi 840. larga nella crociata palmi 641. ed alta fino alla volta palmi 225. e fino alla croce della cupola palmi 620. onde questa supera tutte le più insigni fabbriche moderne, ed antiche ancora, noti solamente per la vastità della mole: ma ancora per l'eccellente costruzione di essa, tanto nell'esterno quanto nell'interno, ed altresì per l'ammirabili opere di marmo, di mosaici, di metallo, e di stucchi dorati.
Troppo malagevole ci riuscirebbe, se volessimo in questa breve descrizione registrare tutte le parti, e opere cospicue di pittura e di mosaici, di scultura, e di architettura, che sono entro questo vasto Tempio; ma non volendo lasciare nel meglio il mio Lettore, ho risoluto di farli compagnia almeno nelle cose principali, potendo poi a suo talento osservare il resto. Le due statue di s Pietro, e di s. Paolo, che si vedono sul principio della scalinata sono di Minio da Fiesole Fiorentino, ed il bassorilievo con Gesù Cristo, che dà le chiavi a s. Pietro, posto sotto la loggia della benedizione, è opera di Ambrogio Malvicino. Entrando poi nel portico ornato di marmi, e stucchi dorati con varie colonne del tempio vecchio, nell'ultimo fondo a destra evvi la statua equestre rappresentante Costantino Magno fondatore di questa Basilica, in atto di vedere la Croce col motto in hoc signo vinces: opera insigne del Bernino, e in fondo a sinistra Carlo Magno a cavallo, come difensore della Chiesa, opera di Agostino Cornacchini Pistojese. Sopra la porta di mezzo evvi un gran bassorilievo rappresentante il Salvatore, che commette il suo ovile a s. Pietro, scolpito in marmo dal Cav. Bernini, ed incontro il mosaico della celebre Navicella dipinta dal Giotto circa l'anno 1300. e che stava prima nell'atrio quadriportico
Per cinque porte si entra nella Basilica: quella di mezzo è di metallo fatta in Costantinopoli di Antonio Filareto per ordine di Eugenio IV. nella quale effigiò il martirio di s Pietro, e quello di s. Paolo, con alcuni fatti del medesimo Pontefice. La quinta porta a destra si apre solamente l'anno del Giubbileo, e si chiama Porta Santa, perchè con sagri Riti si apre, e poi si chiude dà sommi Pontefici.
Al primo ingresso, che si fa in quel vasto tempio, stando sull'espettativa di vedere una bellezza immaginaria, e sorprendente, niuna ammirazione ci reca la sua vasta mole; ma però nell'osservare di mano in mano le sue parti , non solo resta ognuno sorpreso della magnificenza e decoro di esso, ma confusa di tal modo la mente, che conviene più, e più volte tornarci, trovandosi sempre cose nuove da osservare, e da ammirare. Nell'avvicinarsi intanto ad uno de' fonti dell'acqua benedetta, che stanno al primo pilastro, si osserva, che i putti di marmo, che li reggono, di proporzionati, ed al naturale, che da prima sembravano, si vedono poi di figura gigantesca, e fuor di misura; e le colombe di marmo col ramo di ulivo, che pajono volersi toccare con mani, avvicinandosi si trovano tanto alte, che pare essere volate in alto: l'istesso succederà poi in tutte le altre cose: donde si va facendo maggior concetto dell'esorbitante maestà, e della corretta proporzione di questo sagro Tempio, la quale dà tutta la quiete, e pausa all'occhio, acciò possa agevolmente, e senza confusione godere tutte le parti più riguardevoli, che lo adornano. Perciò se seguitando il cammino per la nave maggiore, si vedono nelle nicchie le statue colossali di alcuni santi Fondatori degli Ordini religiosi, come diremo fra poco, e due pietre memorabili poste fra pilastro, e pilastro; in quella a sinistra, vi furono divisi i corpi di s. Pietro, e di s. Paolo, e su quella a destra, ci furono tormentati, e fatti morire varj Martiri; e le due pietre nere e rotonde, i Gentili le legavano ai piedi de' Martiri quando stavano sull'eculeo; si vede poi la statua di s. Pietro Apostolo a sedere ed in atto di dare la benedizione, la quale fu fatta da s. Leone I. col metallo della statua di Giove Capitolino, per aver liberata Roma dalla persecuzione di Attila Re degli Unni, e perciò i fedeli sono soliti di baciargli i piedi.
In mezzo alla crociata, evvi sotto la gran cupola l'altare Papale de' ss. Apostoli Pietro e Paolo, e nel sotterraneo l'antico altare, in cui sono i loro sagri corpi con quei de' santi Pontefici de' primi secoli, che con voce latina si dice la Confessione de' ss. Apostoli, in vece di dire martirio, come chiamavano i Greci le sepolture de' ss. Martiri, ovecchè i Latini le dissero Confessioni. S. Girolamo, contro Vigilanzio testifica, che il Pontefice Romano offerisce il sagrifizio al Signore sopra le venerande ossa di s. Pietro, e di s. Paolo, e la loro sepoltura giudica essere altare di Cristo. S. Agostino nell'Epistola 42. ai Madaurensi, dice, che l'altissima sommità dell'Imperio Romano, deposta la corona, prega umilmente al sepolcro del pescator s. Pietro. E s. Teodoreto vescovo di Ciro in una epistola a Papa Leone, dice, che i sepolcri de' ss. Apostoli illuminano tutto il Mondo: perciò questo luogo è stato ornato con preziosi marmi, e metalli dorati, ardendovi continuamente cento ventidue lampade di argento con cornocopj di metallo in parte dorato, e vi si scende per una nobilissima scala a due branche. Sopra il sotterraneo evvi l'altare grande, in cui non celebra altro, che il Papa, o qualche Cardinale per breve del medesimo Papa. Urbano VIII. con disegno del Cav. Bernini vi fece il maraviglioso baldacchino di metallo posato sopra 4. colonne storcellate ornate di bellissimi putti modellati da Francesco Fiammingo, similmente di metallo in parte dorato, ed ornato di varj lavori insigni. E' alta questa macchina palmi 124. fino alla Croce, e vi fu impiegato cento ottanta sei mila, e trecento novantadue libbre di metallo levato dal Panteon, e per l'indoratura vi fu consumato quarantasei mila scudi di oro. La gran cupola è tutta ornata di mosaici cavati dà cartoni di Giovanni de Vecchis, di Cesare Nebbia, e del Cav. d'Arpino; ne' gran piloni il Cav. Bernini aprì le quattro ringhiere per mostrare le sagre reliquie, che vi si conservano, cioè da quella sopra la Veronica il Volto Santo, la Lancia, e la Croce di Gesù Cristo, e sopra quella di s. Elena altre reliquie. Sono notabili in queste ringhiere, o balconi, le otto colonne storcigliate, perchè furono, come si crede, del tempio di Salomone. Nelle nicchie de' medesimi piloni sonovi quattro statue di marmo alte palmi 22. una rappresenta la Veronica scolpita da Francesco Moci, l'altra s. Elena, da Andr. Bolgi, la terza s. Andrea Apostolo di Franc. du Quesnoy Fiammingo; ed il s. Longino nella quarta, del medesimo Bernini. Sotto il piedistallo di ciascuna statua vi è un' altare con quadri di mosaico cavati dalle pitture di Andrea Sacchi, e di lì si scende alle grotte Vaticane, cioè nella chiesa vecchia, di cui ancora si conservano le memorie più insigni, e vi si venera più da vicino il sepolcro de' ss. Apostoli eretto da s. Anacleto Papa, chiamato dalli Scrittori ecclesiastici, insieme con quello di s. Paolo Sacra limina: perciò è proibito alle donne di entrarvi, fuor che il lunedì della Pentecoste, ed allora è proibito alli uomini: e però il mio Lettore facendosi accompagnare da un chierico della sagrestia, egli con una torcia accesa gli farà osservare gran parte del tempio vecchio, con moltissime memorie antiche degne di essere vedute.
Proseguendo poi il cammino nella nave grande, si giunge alla gran tribuna, ove si osserva il maestoso altare, in cui si custodisce la Cattedra di s. Pietro, la quale è fatta di legno intarsiata di avorio, con colonnette e figurine similmente di avorio. Questa sta chiusa in un'altra di metallo dorato ornata mirabilmente di angioli, e sostenuta da 4. statue rappresentanti due dottori della Chiesa Greca, e due della Latina, gettate in metallo secondo il disegno del Cav. Bernino per ordine di Alessandro VII. e pesano 116. mila libbre, colla spesa di 172.mila scudi. Il deposito di Urbano VIII. che sta a sinistra con statua di metallo, ed altre di marmo è opera insigne delle mani del mentovato Cav. Bernino, e l'altro a destra di Paolo III. colla celebre statua di metallo, e le due di marmo a giacere fu fatto da Guglielmo della Porta colla direzione del Buonarroti; la statua di san Domenico nella prima nicchia fu scolpita da Monsù le Gros, quella di s. Francesco nell'altra è di Carlo Monaldi, quella di s Benedetto, di Antonio Montauti, ed il s. Elia nella 4. nicchia è di Agostino Cornacchini. La statua di san Brunone nella crociata è di Monsù Slos Francese; quella del B. Giuseppe Calasanzio, d'Innocenzo Spinaci; quella del B. Girolamo Emiliani, di Pietro Bracci; ed il s. Gaetano, di Carlo Monaldi. Il san Filippo Neri nella nave grande è di Gio. Batista Maini; il s. Vincenzo de Paulis, del suddetto Pietro Bracci, e la s. Teresa, di Filippo Valle. Il s. Pietro d'Alcantara, che sta incontro è di Francesco Vergara Spagnolo; il s. Camillo de Lellis, di Pietro Pacilli; il s. Ignazio, di Giuseppe Rusconi, e il s. Francesco di Paola, del suddetto Maini. Il s. Gio. di Dio nella crociata è del suddetto Valle; il s. Pietro Nolasco, di Paolo Campi, e la s. Giuliana Falconieri, del medesimo Campi; quali statue sono tutte di marmo, alte alcune più di palmi 18.
Volendo poi fare un giro intorno alle navi laterali, per osservare tutto, e con metodo, conviene ritornare a piè della basilica, e principiare dalla Porta Santa, che è chiusa, sopra cui si vede s. Pietro fatto in mosaico dal cartone di Ciro Ferri. La prima cappella era dedicata al ss. Crocifisso; ma anni sono vi fu trasportata dal coro de' Canonici la celebre statua della ss. Vergine con Gesù Cristo morto in seno, scolpita in marmo da Michelangelo Buonarroti nel quinto lustro di sua età; ma in questo sito è quasi invisibile; le pitture nella volta sono del Lanfranco, il s. Niccolò in mosaico nella cappelletta laterale è del Cristofari, e la colonna, che si vede incontro custodita con ferrate, è tradizione antica essere stata del tempio di Salomone, alla quale il nostro Divino Redentore soleva appoggiarsi quando predicava nel tempio. I mosaici che sono nella cupola innanzi, a questa cappella sono del Cristofari fatti da' cartoni di Pietro da Cortona, e per la di lui morte terminati da Ciro Ferri suo allievo. Indi entrando nella nave piccola si vede sotto l'arco il deposito di Cristina Alessandrina Regina di Svezia fatto con disegno del Cav. Carlo Fontana; il medaglione, e ornamenti di metallo sono di Gio: Giardini, i bassirilievi di Gio. Taudon, e li putti di Lorenzo Ottone.
Nella seconda cappella si vede il gran quadro col martirio di s. Sebastiano dipinto dal Domenichino, e fatto in mosaico dal Cristofari, e i mosaici nella cupola dinanzi furono fatti da' cartoni del sudd. Pietro da Cortona. Sotto l'arco della nave laterale si vede a sinistra il deposito della Contessa Matilde fatto da Urbano VIII. con disegno del Cav. Bernini, il quale scolpì la testa della statua, terminata nel resto da Luigi suo fratello, il quale insieme con Andrea Bolgi fece li due putti sopra l'urna: li bassirilievi però sono di Stefano Speranza, e le armi di Matteo Bonarelli. Incontro evvi il deposito d'Innocenzo XII. con tre statue di marmo scolpite da Filippo Valle Fiorentino.
Nella terza cappella, in cui si custodisce il Divino Sagramento dell'Eucaristia, evvi il quadro della ss. Trinità dipinto da Pietro da Cortona, ed il ciborio fatto di metalli dorati e lapislazzoli con due Angioli di metallo, similmente dorati, è opera insigne del Cav. Bernino; il deposito di Sisto IV. però, che sta sul pavimento con bassorilievo di metallo è di Antonio Pallajolo; il quadro nella cappelletta è del Cav. Bernini, e le due colonne furono del tempio di Salomone. Li mosaici nella cupola dinanzi a questa furono fatti da' cartoni del mentovato Pietro da Cortona, ed il deposito di Greg. XIII. sotto l'arco, con tre figure è opera insigne di Cammillo Rusconi.
Nell'altare incontro all'arco si vede il s. Girolarno fatto in mosaico dal celebre quadro dipinto dal Domenichino, quale vedemmo nella chiesa di s. Girolamo della Carità, presso piazza Farnese. A destra si vede la cappella della ss. Vergine fatta da Gregorio XIII. col disegno del Buonarroti eseguito però da Giacomo della Porta, e perchè sotto l'altare si custodisce il corpo di s. Gregorio Nazianzeno, si dice la cappella Gregoriana. I mosaici nella cupola sono cavati da' cartoni del Muziani, ed il quadro sotto l'arco rappresentante s. Basilio Magno, che celebra la Messa greca, fu fatto in mosaico dalla pittura di Monsù Subleras Francese; il san Pietro però, che riceve le chiavi da Gesù Cristo dipinto a fresco nell'arco incontro, è del Cav. Baglioni.
Entrando poi nella crociata ornata similmente di statue colossali di marmo, sonovi tre altari tutti ornati di mosaico; nel primo si vede s. Vinceslao Duca di Boemia ritratto dalla pittura di Angiolo Caroselli; appresso evvi il martirio de' ss. Processo, e Martiniano, cavato da quella di Valentino Francese, e sotto l'altare sono i corpi di detti ss. Martiri; il s. Erasmo nel terzo fu preso dalla pittura di Niccolò Pussino, cognominato il Raffaello di Francia, e le quattro colonne rosse, che quivi si vedono furono del celebre foro di Traiano.
Seguitando poi il giro, si vede sotto l'arco a sinistra la navicella di s. Pietro fatta in mosaico dal quadro del Cav. Lanfranco; il s. Pietro però, che sta incontro, fu dipinto a fresco da Andrea Camassei: ed ora vi si farà il deposito di Benedetto XIV. Siegue appresso la cappella di s. Michele Arcangelo, ultimamente fatto in mosaico dal celebre quadro di Guido Reni, che sta nella chiesa de' frati Cappuccini, e poi la cappella di s. Petronilla; che si vede fatta in mosaico dal famoso quadro del Guercino, quale sta nella sala regia della cappella del palazzo Quirinale. Sotto quest'altare si custodisce il corpo di detta santa fìgliuola di s. Pietro. Li mosaici nella cupola, furono cavati da cartoni di Niccolò Ricciolini, ma il s. Bernardo nell'angolo è di Carlo Pellegrini, il s. Gregorio, del Romanelli, quello accanto è di Andrea Sacchi, e l'altro di Guidobaldo Abbatini; quelli però ne' sordini sono parte di Ventura Lamberti, e parte del Cav. Benesiani. Il quadro nell'altare sotto l'arco rappresentante s. Pietro, che resuscita Tabita, che si sta facendo in mosaico, è di Placido Costanzi, ed il deposito incontro di Clemente X. è disegno di Mattia Rossi; la statua però del Pontefice è di Ercole Ferrata, li due laterali di Giuseppe Mazzoli, e di Lazzaro Morelli, il bassorilievo nell'urna, di Leonardo Retense, ed il resto è di Filippo Carcani.
Passando poi dall'altra parte opposta, evvi a destra il deposito di Alessandro VIII. disegno del Conte Sammartino in cui si vede la statua del Pontefice gettata in metallo da Giuseppe Bertosi, e le due statue laterali furono fatte in marmo da Angelo de' Rossi, il quale si portò egregiamente bene nel lavoro del bassorilievo, che sta da piede. Il s. Pietro nella cappella incontro fu fatto in mosaico dalla pittura di Lodovico Cigoli, ed il gran bassorilievo nella cappella accanto, rappresentante s. Leone I. che va incontro ad Attila Re degli Unni, è celebre scultura dell'Algardi. Sotto di questo altare sta il corpo del s. Pontefice, e sotto l'altare, che siegue dedicato alla ss. Vergine vi sono i corpi de' ss. Pontefici Leone II., Leone III., e Leone IV. Li ss. Dottori fatti a mosaico negli angoli della cupola, due sono di Andrea Sacchi, e due del Lanfranchi, il quale fece anche i sordini. Sopra la porticella laterale si vede bizzarramente accomodato il deposito di Alessandro VII. invenzione, e opera dello scarpello del Bernini, ed il quadro incontro colla caduta di Simone Mago è pittura sopra lavagna fatta dal Cav. Francesco Vanni.
Quindi passando nell'altra parte della crociata si vedono altri tre altari, con quadri fatti similmente in mosaico; il s. Tommaso Apostolo nel primo fu dipinto da Domenico Passignani, e sotto l'altare si conserva il corpo di s. Bonifacio IV. Li ss. Simone e Giuda nel secondo sono di Antonio Ciampelli, e sotto l'altare sono i loro corpi; nel terzo poi sonovi i ss. Marziale e Valeria, dipinti da Antonio Spadarino, e sotto l'altare vi è il corpo di s. Leone IX.
Dipoi voltando a sinistra, siegue la porta della sagrestia, di cui parleremo dopo, mentre ora proseguiremo il nostro giro della nave laterale. La pittura dunque a fresco sulla detta porta è del Romanelli, ed il quadro nell'altare incontro è copia già ita del Cav. Passignani; il s. Gregorio Magno, che mostra il corporale insanguinato fatto in mosaico nell'altare a destra, fu cavato dalla pittura di Andrea Sacchi, e sotto l'altare è il corpo del medesimo santo Pontefice. Si chiama questa cappella Clementina, perchè da Clemente VIII. fu eretta con disegno del Buonarroti, sebbene eseguito poi da Giacomo della Porta. Le pitture nella cupola sono di Cristofano e di Antonio Roncalli delle Pomarancie fratelli, ed il san Pietro e Anania nell'altare sotto l'arco, fu fatto in mosaico dalla pittura del sudd. Cristofano Roncalli. Entrando poi nella piccola nave sacrale, evvi a destra il deposito di Leone XI. opera insigne dell'Algardi, eccettuatene le statue laterali, che furono scolpite, una da Ercole Ferrata, e l'altra da Giuseppe Peroni suoi allievi; ed incontro evvi quello d'Innocenzo XI. fatto da Stefano Monot Borgognone, con disegno di Carlo Maratta.
Nella cappella, che siegue destinata per coro de' Canonici di questa Basilica, evvi il quadro dell'altare colla ss. Concezione, san Francesco di Assisi, e s. Antonio di Padova fatto in mosaico dalla pittura di Giuseppe Chiari, e nel pavimento si legge una iscrizione sepolcrale fatta ù da Clemente XI. per il suo deposito, che sta sotto di questa cappella. Li mosaici nella cupola dinanzi a quella furono cavati dalle pitture di Filippo Cocchi, e quelli negli angoli di Ciro Ferri, e di Carlo Maratta; i sordini però sono del Ricciolini, e del Franceschini. Sotto l'arco di appresso si vede in alto il deposito d'Innocenzo VIII. colla statua di metallo a giacere fatta da Antonio Pollajolo Fiorentino.
La Presentazione della ss. Vergine al tempio, che si vede fatta in mosaico nella cappella,che siegue, fu cavata dalla pittura del Romanelli, e i mosaici nella cupola, sono de' cartoni di Carlo Maratta. Dopo siegue la porta, che conduce alla parte superiore del Tempio, e alla cupola, alla quale per necessità bisognerà andare, se si vorrà conoscere la esorbitante magnificenza di questa mole, e poi salire alla palla, se si vorrà osservare quanta sia stata l'arditezza d'un uomo, nel portare su quella altezza una tale macchina.
Si vede sulla detta porta il deposito di Maria Clementina Regina d'Inghilterra fatto con disegno di Filippo Barigioni, e colle sculture di Pietro Bracci; il ritratto però fu messo in mosaico dal Cristofani; incontro si farà quello del Re Giacomo di lei sposo. Sieguo per ultimo la cappella del battesimo ornata con tre quadri di mosaico: quello di mezzo con s. Gio: Batista fu cavato dalla pittura di Carlo Maratta, quello a destra, dalla pittura di Giuseppe Passeri, e l'altro a sinistra, da quelli di Andrea Procaccini. Benedetto XIII. vi fece il nobilissimo fonte battesimale, con la maravigliosa conca di porfido ben lavorata, che servì di coperchio al deposito dell'Imperatore Onorio II. I mosaici nella cupola, che le sta dinanzi furono fatti da' cartoni di Francesco Trevisani, e finalmente tutte le volte e sottarchi con i gran voltoni della nave di mezzo, e della crociata e tribuna sono tutte lavorate a grottesche con frutti, e bassirilievi messi a oro, e tutti i pilastri e pareti sono ornati di marmi mischi con putti, e medaglioni similmente di marmo rappresentanti i Pontefici de' primi secoli, fatti col disegno del Cav. Bernini, per ordine d' Innocenzo X. e le colonne, che adornano le cappelle furono tutte della chiesa vecchia fatta da Costantino Magno, fuorchè quelle degli archi laterali.
Palazzo Apostolico Vaticano
Si crede da alcuni, che questo gran palazzo fosse eretto su quello degli orti di Nerone, e poi da Costantino Magno donato al Pontefice s. Silvestro. Fu poi da varj Pontefici ristaurato, ed accresciuto: ma Eugenio III. circa l'an. 1145. lo rifece dà fondamenti, con tanta magnificenza, che Innocenzo III. vi albergò Pietro II. Re di Aragona. Dipoi è stato talmente accresciutocresciuto e adornato di marmi, di pitture, e statue, che troppo difficile sarebbe alme no accennare le sue rarità in questo breve trattato: m'ingegnerò bensì per quanto si potrà di rintracciare le cose più insigni, potendosi ritrovare il resto nel tomo impresso sotto nome dell'abate Taja ultimamente dato alla luce con somma erudizione, ed accuratezza impareggiabile.
Ha questo il suo principale ingresso per la gran piazza a sinistra della basilica Vaticana, facendoli nobile invito il loggiato e magnifici portici colla guardia Svizzera. Il Cav. Bernini a piè della maravigliosa statua di Costantino Magno fatta, come dicemmo, dal medesimo, piantò la scala ornata con due ordini di colonne, e grotteschi di stucco fatti mirabilmente dall'Algardi passare alla sala regia ornata di marmi, statue, e pitture riguardevoli. La pittura sulla porta, che si entra è di Giorgio Vasari; la battaglia navale è di Taddeo e Federigo Zuccheri, coll'aiuto di Livio Agresti; la Fede sul carro è di Donato da Formello, e l'istoria sopra la porta, che segue è del detto Agresti. L'Imperatore Federigo I. che bacia i piedi ad Alessandro III. è di Giuseppe Salavati; Gregorio XI. che da Avignone riporta la Sede in Roma, la sconfitta degli Ugonotti, e la lega contro i Turchi sono del suddetto Vasari; le altre pitture ne' vani, e stucchi su i frontespizj sono di altri; li stucchi però nella volta sono di Pierin del Vaga.
Corrispondono in questa gran sala due cappelle, che dovrebbero dirsi piuttosto chiese magnifiche. Una dicesi Sistina, perchè eretta da Sisto IV. ed è quella in cui si fanno le cappelle papali, e funzioni pubbliche da' sommi Pontefici con il collegio de' Cardinali, ed ancora li scrutinj per l'elezione del nuovo sommo Pontefice. Nel prospetto principale o per dir meglio, sopra l'altare di questa gran cappella evvi dipinto a fresco il Giudizio Universale di maniera terribile, tanto per la vasta composizione, quanto ancora per i contorni del disegno fatto dal Buonarroti, il quale dipinge similmente la gran volta. Le pitture laterali sono però di Matteo de Leccio, e le altre sono credute di Pietro Perugino, e di altri pittori di quei primi tempi, in cui la pittura principiava a risorgere.
L'altra cappella dicesi la Paolina, perchè da Paolo III. fatta per uso delle Esposizioni delle 40. Ore, e per le funzioni del Giovedì, e Venerdì santo: perciò è disposta con una prospettiva ornata copiosamente di lumi, la cui volta fu dipinta,da Federigo Zuccheri; ma la crocifissione di s. Pietro, e la conversione di s. Paolo sulle pareti laterali sono del Buonarroti, ed il resto è di Lorenzino da Bologna. Indi passando dalla sala ducale, e poi seguitando per gli appartamenti, loggie, e gallerie del primo, e secondo piano, si vedono le ammirabili pitture fatte da Pietro Perugino, da Baldassar da Siena, da Giulio Romano, da Pierin del Vaga, e dall'invitto Raffaello da Urbino, con molte altre opere degne di particolare osservazione, che dal custode sono tutte mostrate.

Next plate in Book 3: Chiesa di S. Pietro in Carcere
Next step in Day 8 itinerary: Porta Cavalleggeri